Santa Maria capua vetere



anta Maria Capua Vetere (Capua in latino, Santa Marij e Capua in dialetto, anche abbreviata come Santa Maria C. V. o S. Maria C.V.) è un comune italiano di 32 391 abitanti della provincia di Caserta, in Campania.

Era qui che sorgeva l’antica Capua, come del resto attestato e confermato dai numerosi monumenti dell’epoca romana – su tutti, l’anfiteatro campano, secondo per grandezza solo al Colosseo – nonché dall’etimologia dell’odierno toponimo (“Capua Vetere”, da “Vetus, veteris”, aggettivo latino della seconda classe ad una uscita che significa “Antico”, dunque “Capua Antica”).

Dopo gli antichi fasti, la città mutò in un borgo contadino e divenne frazione dell’odierna Capua con il nome di Villa Santa Maria Maggiore (Villa Sanctae Mariae Maioris): si ritiene che fu adottato detto toponimo in quanto il borgo cittadino si sviluppava essenzialmente attorno alla basilica di Santa Maria Maggiore (l’attuale duomo). Nel 1806, la frazione fu eretta a Comune con il nome di Santa Maria Maggiore e solo con l’unità d’Italia assunse il nome odierno.

È riparata dal monte Tifata e si trova a poca distanza da una grande ansa del fiume Volturno. Il territorio è particolarmente fertile tanto che i Romani lo consideravano felix. Nel tempo alle attività agricole si sono affiancate molte industrie (ora in gran parte dismesse). Oltre al tribunale e ad altre istituzioni territoriali, vi sono presenti facoltà universitarie e attività commerciali.

L’illustre e gloriosa storia della città è testimoniata, oltre che dai numerosi resti dell’epoca romana, da chiese di origini paleocristiane, affreschi trecenteschi, pale rinascimentali, palazzi settecenteschi e monumenti in onore ai caduti delle Guerre.

numero verde 800170905

prenotazioni ritiro ingombranti

 
Scarica il nuovo calendario per la raccolta differenziata
Scarica il calendario porta a porta